Corsi di formazione per ANIMATORI DIGITALI

Programmazione per i più piccoli e non solo.

Il computer ha cambiato e continua a cambiare il modo di acquisire, organizzare ed elaborare le conoscenze.
Può essere uno strumento importante per costruire rapporti educativi significativi con gli alunni e per favorire forme di esplorazione ed elaborazione del sapere di tipo interdisciplinare.
Deve anche essere un oggetto di esplorazione da parte delle varie discipline.
Quali rapporti si possono instaurare tra le varie discipline (quelle che si occupano di particolari aree di problemi o fenomeni - come la fisica, la storia, ... - e quelle che sono caratterizzate dagli artefatti che impiegano per la costruzione dei modelli - come la matematica e l'informatica)?
Quale ruolo può avere il software in questo contesto?

I materiale del corso saranno presenti sul sito

macosa.dima.unige.it/AnimDigit

La risoluzione dei problemi è uno degli aspetti centrali dell'insegnamento/apprendimento della matematica.
Come intrecciare una attività di questo tipo alla costruzione di una conoscenza organica del sapere matematico, che dia strumenti tecnici e culturali per affrontare i singoli problemi?
Come il modo di presentare, affrontare e risolvere i problemi è cambiato e cambia al variare delle conoscenze e delle tecnologie a disposizione?

I materiali saranno presenti in rete all'indirizzo

macosa.dima.unige.it/AnimDigit

La scheda sintetica del corso allegata presenta contenuti e modalità di conduzione dei due incontri

Questo corso è la naturale prosecuzione del primo, dedicato ai rapporti tra didattica disciplinare e innovazioni metodologiche. Viene infatti ripreso e approfondito il rapporto che inevitabilmente esiste tra modalità d'uso di una tecnologia e i contenuti disciplinari. Se i significati degli oggetti di studio emergono da pratiche didattiche, è naturale concludere che cambiamenti nelle pratiche didattiche possano portare a modificare il significato degli oggetti di studio. Questa consapevolezza richiede quindi molta attenzione, da parte dell'insegnante, nell'individuare modalità d'uso delle risorse tecnologiche che siano coerenti con i significati che gli studenti devono acquisire. 

La scheda sintetica del corso descrive i principali contenuti che saranno presentati e discussi nei due incontri.

Il documento del PNSD precisa che  “Il paradigma su cui lavorare è la didattica per competenze, intesa come progettazione che mette al centro trasversalità [e l’] azione didattica caratterizzata da esplorazione, esperienza, riflessione [ …]. In questo quadro, le tecnologie digitali intervengono a supporto di tutte le dimensioni delle competenze trasversali (cognitiva, operativa, relazionale, metacognitiva). Ma si inseriscono anche verticalmente, in quanto parte dell’alfabetizzazione del nostro tempo e fondamentali competenze per una cittadinanza piena, attiva e informata […] . Lo studente […] usa con consapevolezza le tecnologie della comunicazione per ricercare e analizzare dati e informazioni […]Per questo motivo saranno favoriti, all’interno dei poli, percorsi formativi che promuoveranno una molteplicità di modelli di innovazione didattica attraverso le tecnologie digitali”.

Queste precisazioni, in coerenza con le indicazioni, suggeriscono percorsi di formazione che discutano punti di criticità e di forza di determinate modalità d’uso delle risorse tecnologiche al fine di consentire agli studenti di conseguire competenze di cittadinanza, acquisire consapevolezza del proprio percorso formativo e di consolidare l’esercizio del pensiero critico.

Corso 1 (macro area ambito tecnologico)


Titolo: Robotica per riflettere


Il corso vuole introdurre a una delle espressioni attuali del mondo digitale che è la robotica. Grazie a piccoli kit dal costo irrisorio è possibile costruire una notevole partecipazione da parte degli studenti che può essere trainante per diversi ambiti del mondo digitale (programmazione informatica, sviluppo di una mentalità logica atta al controllo della tecnologia, capacità di organizzazione di un ambiente di sviluppo, capacità di individuazione di una procedura e degli strumenti utili per risolvere un problema, sviluppo di interesse per materie affini come matematica, fisica, informatica, elettronica, energie alternative, musica, ecc).